Un Gigante Gentile

Pomeriggi soleggiati. ideali per fare passeggiate in riva al mare, magari mangiarsi un gelato o uno yogurt, staccare un po’ dal tram tram quotidiano e respirare aria di primavera, ormai l’inverno, quest’anno ce lo siamo lasciato alle spalle senza         patire gran freddo, si, ha fatto freddino per qualche settimana, ha piovuto molto e c’è stato  vento forte qualche volta, ma niente di eccezionale, c’è andata bene. Il tempo vola via veloce ormai, io sono in una fase di senilità entrante, dopo i sessanta si guarda indietro e si vede tutto il tempo che è passato, ,un sacco di anni, quando li conti o rammenti qualche cosa si parla di 50 anni fa, ono proprio tanti. “Quanto è che fumi?” “Sono 50 anni”, sentite come suona? Sono un mucchio di anni e comunque, se non fosse per qualche doloretto qua e là, non mi posso lamentare; non ho capelli bianchi, neanche uno, la barba è brizzolata e basta, ancora cammino molto con energia salgo le scale senza che mi venga il fiatone, malgrado i 50 anni di sigarette, e corro anche per non perdere l’autobus o il treno, sono cose che faccio con naturalezza, e sono il mio termometro per la vecchiaia, mi accorgo dei cambiamenti, per esempio correre, non corro più come un tempo, fino a dieci anni fa, sono più a rischio di cadute e faccio fatica a salire scalini troppo alti. Del resto ho avuto reumatismi gravi alle ginocchia, mi si riempivano d’acqua, e adesso sento le conseguenze, ma non mi lamento, sto proprio bene. Rammentando gli anni della gioventù penso alla musica che ascoltavo e ci sono gruppi e singer eccezionali, come non ci sono stati più

Del 1973 questo album che posto qui, un album di rock progressivo, questo è tra i gruppi storici del prog, e anche uno dei più interessanti e valenti, con una spiccata identitàò che si evince ascoltando i loro album. Sono i Gentle Giant, gruppo britannico composto da polistrumentisti eclettici, molto preparati, l’album è l’omonimo credo sia il secondo o forse il primo album registrato dalla band, ascoltiamolo.

 

 

 

 

Lascia un commento


*