Chick Corea

Armando Anthony “Chick” Corea (Chelsea, 12 giugno 1941) è un pianista e tastierista statunitense, noto soprattutto per le sue produzioni jazz e jazz fusion negli anni settanta. Chick Corea è oggi ritenuto uno dei maggiori pianisti jazz, capace di adottare con gli anni uno stile molto personale di suonare il pianoforte. Oltre ad essere uno dei più influenti e famosi tastieristi fusion, è considerato anche uno dei più virtuosi utilizzatori di tastiere elettroniche, in special modo ilFender Rhodes, da lui sperimentato per la prima volta durante il periodo con Miles Davis. Tutt’oggi il suo modo di suonare il pianoforte è molto influenzato dal suo passato “elettrico” con il grande trombettista.

Chick Corea

Di origini italiane (per la precisione di Albi di Catanzaro), Corea inizia a suonare negli anni sessanta con il trombettistaBlue Mitchell, e con alcuni grandi della musica latino-americana come Willie Bobo e Mongo Santamaría. Il primo album che lo vede come leader è Tones For Joan’s Bones, nel 1966 in quintetto con Woody Shaw alla tromba e Steve Swallow al contrabbasso. Due anni dopo pubblica Now He Sings, Now He Sobs, entrato nella leggenda del jazz, in cui suona con Roy Haynes alla batteria e Miroslav Vitous al contrabbasso.

Verso la fine degli anni sessanta, si unisce al gruppo di Miles Davis e compare su album importanti, come In a Silent Way e Bitches Brew. Con questo gruppo sperimenta l’uso di strumenti elettronici, ed in particolare il Fender Rhodes, suonando le tastiere in contemporanea con  Keith Jarrett. In seguito Corea, interessato ad alcuni progetti solisti, viene ritenuto da Davis abbastanza maturo per poter avere una propria band.

All’inizio degli anni settanta, Corea intraprende così alcuni progetti come leader. Tra il 1970 e il 1971, è attivo nel gruppo Circle, un complesso avant-jazz in cui militano Anthony Braxton, Dave Holland e Barry Altschul. Nel 1971 fonda un’altra band, Return to Forever. Le prime incisioni dei Return to Forever hanno un suono brillante, caratterizzato dalla voce di Flora Purim, dal piano elettrico Fender Rhodes e dal flauto. Durante gli anni settanta, il gruppo si sposta su sonorità più vicine alla musica rock. Nel 1972 sposa la musicista Gayle Moran. Nel1974 il chitarrista Al Di Meola entra a far parte della band, e Corea intensifica l’uso dei sintetizzatori, in particolare il Moog e il Minimoog. Nel1975 l’album No Mystery con i Return to Forever vince il Grammy Award.

Nel 1976 l’album The Leprechaun vince un Grammy Award ed un brano dell’album intitolato “Leprechaun’s Dream” il Grammy Award for Best Instrumental Arrangement.

Nel 1978 l’album Friends vince un Grammy Award.

Verso la fine degli anni settanta, Corea inizia a collaborare con il vibrafonista Gary Burton, con il quale incide numerosi album. In particolare gli album Duet ed In Concert, Zürich, October 28, 1979 vincono il Grammy Award.

Nel 1993 si aggiudica la Targa Tenco per la canzone Sicily, interpretata con Pino Daniele.

È stato fondatore e membro dei gruppi Chick Corea Elektric Band, con i quali vince un Grammy Award con l’album Light Years, ed un Grammy Award con Chick Corea Akoustic Band. Da questi gruppi sono emersi sulla scena nuovi talenti, quali: John Patitucci, Dave Weckl, Eric Marienthal, Frank Gambale, Carlos Rios, Scott Henderson. Interessante anche il lavoro svolto con il progetto Touchstone e con musicisti come Avishai Cohen.

Sotto i “ringraziamenti speciali”, che è possibile trovare in tutti i suoi album più recenti, Corea menziona che L. Ron Hubbard, fondatore di Scientology, è stato una continua fonte di ispirazione. Nel 1968 Corea scoprì Dianetics, la principale opera di Hubbard, e nei primi anni settanta sviluppò un interesse nei romanzi di fantascienza di Hubbard.

Corea ha dichiarato che Scientology esercitò una profonda influenza sulla sua direzione musicale nei primi anni settanta:

Non volevo più soddisfare me stesso. Volevo veramente connettermi con il mondo e fare in modo che la mia musica significasse qualcosa per le persone. (Down Beat, 21 ottobre 1976, p.47)

Corea ha realizzato alcune delle composizioni del suo album Return to Forever in collaborazione con Neville Potter, un amico che aveva conosciuto tramite Scientology. Alcuni degli altri realizzatori di Return to Forever hanno anche frequentato corsi in Scientology, e lo stesso nome Return to Forever fu, citando Corea, assolutamente influenzato dalla filosofia dello spirito di Hubbard.

Molti dei suoi brani contengono riferimenti espliciti a Scientology e a varie opere di Hubbard. Per esempio, What Game Shall We Play Today? si riferisce al concetto filosofico di Scientology, derivato dagli studi psicologici di Eric Berne, che la vita consiste di “giochi” nei quali l’obiettivo è ricavare gioia e soddisfazione. Il suo album del 2004 To the Stars è un poema in musica basato sull’omonimo romanzo di fantascienza di Hubbard. Il suo ultimo album, The Ultimate Adventure, è anch’esso basato su un romanzo di Hubbard.

Corea appare anche nel film di Scientology Orientation, dove presenta una testimonianza su come Scientology lo abbia aiutato.

Lascia un commento


*